Rossana Capasso Website

Rousseau, Kant e la menzogna

Quante facce ha la menzogna? E' menzogna la favola, l'errore, l'inganno, l'astuzia, la frode? E' tutto piuttosto complesso... Dobbiamo fare i conti con una semplificazione necessaria (ma onesta) e partire da un concetto frontale e un po grezzo di menzogna. Sicuramente si può essere nell'errore e dire il falso senza cercare di ingannare e quindi senza mentire. Così come si può ingannare l'altro dicendo il vero! Diciamo che la caratteristica della menzogna è l'intenzionalità, la cattiva fede. Il mentitore sa la verità, almeno se non tutta la verità la verità di ciò che pensa, e conosce la differenza tra ciò che pensa e ciò che dice. L'altra caratteristica della menzogna è il danno.

Rousseau dice che una menzogna che non nuoce né a sé né agli altri, una menzogna innocente, non merita il nome di menzogna. E' solo finzione.

Per Kant la veracità è sempre dovuta a partire dal momento in cui ci si rivolge agli altri. Il dovere di dire la verità è un imperativo sacro. Non esiste nessuna menzogna utile. Nessuna, cazzo.



(andate magari a guardarvi J. Derrida, Breve storia della menzogna, Castelvecchi)


illustrazione di Lorenzo Mattotti

Read 864 times
More in this category: « Fenomenologia del tradimento

Leave a comment

Mi piace

ANDARE AL CINEMA + TANGO + QUEI GIORNI DOVE L'UNICO PROBLEMA E' SCEGLIERE TRA UN THE E UN CAFFE' + TORTA DI MELE + TROVARE LE COSE QUANDO NON LE CERCO + GATTI + CERTI BELLISSIMI ERRORI + LE MALINCONIE CHE DURANO GIORNI + LIBRI + IL SOLE ADDOSSO + I RICORDI DEI RICORDI

Contact

Via Parigi 39
43044, Collecchio, Parma
ITALY

C.F. e P.IVA 02616980344

T: +39 329 2558626 

 

E: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.